Post box

Progetto del 1992

Brevettato.

Annunci
Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

2100

Viviamo un periodo storico di cambiamento, tutto deve essere ripensato, dalle istituzioni che governano il mondo ai rapporti diretti tra gli stati, squilibri tra regioni del pianeta inficiano una corretta concorrenza di mercato, questo è ciò che ci hanno raccontato per giustificare il sistema liberista, e per continuare ad approfittarsi della posizione dominante.

C’è molto da fare, sono cambiate le cose rispetto al xx secolo, con 2 guerre mondiali ed una guerra fredda finita nel 1989, con la globalizzazione abbiamo sperato che il compromesso sostituisse le armi, ma le produzioni di armi generano grandi profitti e va da sé che alimentare tante piccole guerre rendono di più di una ulteriore guerra mondiale, e così è stato e continua ad essere.

Gli attori sono cambiati forse in peggio, in assenza del rinnovamento delle istituzioni con regole adeguate all’oggi, il mondo e in movimento, tutto cambia, le tecnologie cambiano, la mobilità sta cambiando, la vita stessa nei ritmi, nei tempi, nell’ appartenenza, nell’ideale, con prospettive sconosciute che provocano tensione e muri a difesa dell’oggi.

Il mondo è in movimento, le genti hanno l’opportunità di apprendere stili di vita a loro sconosciuti, ed hanno la possibilità di confrontarsi e di scegliere a quale futuro ambire, grazie alle tecnologie che si evolvono in continuo.

In mezzo a questo turbinare, il caos offusca la possibilità di immaginare il futuro, personaggi retrò governano le sorti odierne della nostra esistenza, alcuni malati di onnipotenza, altri con tendenze dittatoriali, altri sono monarchie eterne, che perseverano con modi integrali il loro agire, altri ancora avendo scoperto il capitalismo in tarda età, ne adottano a sistema l’essenza pur affermando la loro avversione, e non solo ma si rifanno ad una forma coloniale che non si limita a costruire infrastrutture per depredare meglio, stile GB, ma acquistano territori comprensivi di esseri umani, potremmo identificarne in una nuova forma di schiavismo coloniale.

La lunga marcia dell’umanità e costellata di percorsi schizofrenici, corsi e ricorsi storici, l’insieme Vs l’individuale, e se non bastasse, dobbiamo porre rimedio al danno che la nostra stessa esistenza si è autoprocurata con il proprio stile di vita, stile di vita non uniforme ovunque, c’è chi e vittima due volte ed è incolpevole di questa realtà.

Non è possibile perseguire l’equità se nel sistema si concepisce prevaricazione e abuso come conseguenza naturale dell’essere.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Tony Joe White – Bad Mouthin’ (Yep Roc Rec., 2018)

https://wp.me/p3cehQ-8WM

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Priorità, per un giusto prezzo di marcato, cosi ci si comporta con onestà e riconoscenza.

Qui siamo al di fuori della grazia di Dio e i conti davvero non tornano. Può una lettera mia autografa costare solo 200 Euro? Mentre la striscia originale del primo numero di Tex Willer fu battuta all’asta per migliaia di euro da Sotherby’s, a conti fatti una lettera mia costerebbe solo 200 euro, o meglio, […]

via 200 Euro per una lettera mia autografa: il Paese dell’assurdo — Michelangelo Buonarroti è tornato

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

é proprio cosi, però se occorre qualche ceffone non guasta!

Ogn’ira, ogni miseria e ogni forza, chi d’amor s’arma vince ogni fortuna Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

via Chi d’amor s’arma vince ogni fortuna — Michelangelo Buonarroti è tornato

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Manutenzione

Un termine che in Italia e disatteso e sovente non se ne conosce il senso, noi, popolo di inventori poeti e cantanti, tralasciamo tutto il resto, quasi fosse una funzione ausiliare di poco conto.

Ogni genialata ha bisogno di manutenzione se si vuole conservare l’essenza di ciò che si propone come massimo del pensiero, opera unica di pubblica utilità.

Questa parolina risolverebbe molti problemi del nostro presente e porrebbe le basi al nostro futuro, seguendo la campagna elettorale se ne son sentite di tutti i colori, enunciazioni di ogni tipo, offerte e litigi su chi la spara più grossa, tutto per avere un voto in più.

Manutenzione per prevenire e conservare, infrastrutture (gomma /ferro), lavoro (prevenzione infortuni), ambiente (territorio e produttività), Sismicità (restauro abitazioni e messa in sicurezza), Politica (rendimento e alternanza).

Se fossimo coerenti con il nostro essere inventori del bello dovremmo essere anche più pratici e riconoscere che disattendiamo proprio questa funzione che ci assicurerebbe prosperità e sicurezze inimmaginabili, ma siamo troppo snob e stupidi per riconoscere che il manutenere e fondamentale in una economia moderna, certo non mette in risalto le genialità di un popolo, ma raccoglierebbe stima e rispetto se lo fossimo anche solo un poco più conservatori dell’esistente, e non dovremmo piangere ad ogni disgrazia rimandando come casualità ciò che ci affligge.

Non e casualità ciò che avviene e il risultato speculare della nostra inadeguatezza ed in futuro ci renderemo conto di quanto sia redditizio questo concetto di manutenzione.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

!

Oggi è San Valentino e la tradizione consumistica prevede che si onori il santo dell’amore scambiandosi doni. Per quanto voglia bene a tutti voi lettori, non posso regalarvi nulla se non sculture che parlano d’amore. Con martello e scalpello io maoi realizzai opere romantiche adatte per l’occasione ma voglio comunque presentarvi alcune delle più celebri […]

via San Valentino: baci e abbracci di marmo — Michelangelo Buonarroti è tornato

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

per chi?

“The Wild Rose” Wynwood , Miami, USA: new piece by Fin DAC. USEFUL LINKS: Fin DAC in this blog | Tumblr | Flickr | Instagram | Twitter | Facebook fan page —————————————————————————————————————— Vícar, Almeria, Spain: new piece by spanish street artist Xolaka. USEFUL LINKS: Xolaka in this blog | Website | Twitter | Instagram | […]

via Streetart News [wall 1143] – Fin DAC, Xolaka, Theo Vallier — Barbara Picci

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento